Weekly Newsalert | Financial Regulatory Outlook

A cura di Fabrizio Cascinelli, Mario Zanin e Silvia Brezigia

Normativa nazionale – Disciplina sui PRIIPS

Informazioni e dati strutturati relativi ai PRIIPS

Comunicato Stampa Consob

Consob ha pubblicato, il 14 ottobre 2022, un Comunicato stampa avente ad oggetto la “Revisione dei dati strutturati relativi ai Priips in vista dell’applicazione, a partire dal 1° gennaio 2023, del Regolamento delegato (Ue) 2022/975 e sistema di accesso ai Kid degli Oicr da parte della Consob ai sensi dell’art. 34-bis.2 del Regolamento emittenti”.

La disciplina dei prodotti d’investimento al dettaglio e assicurativi preassemblati (PRIIPs) è stata oggetto di modifiche – in vigore dal 1° gennaio 2023 – apportate nello specifico  dal Regolamento delegato (UE) 2021/2268  (che ha modificato il  Regolamento delegato (UE) 2017/653 concernente le metodologie di calcolo e di rappresentazione delle informazioni chiave contenute nei documenti sintetici relativi ai PRIIPS).

Tali modifiche hanno inciso sul set di informazioni e (seppur in maniera ridotta) sui dati strutturati relativi ai PRIIPs che, gli ideatori di PRIIPS devono rendere accessibili a Consob con la messa a disposizione su server SFTP oppure mediante interfaccia web – in conformità di quanto previsto dalla Delibera Consob 21640 del 15 dicembre 2020 e della successiva Delibera Consob 22134 del 17 dicembre 2021.

Nello specifico, Consob comunica che entro il 31 ottobre 2022 nella apposita sezione del proprio sito internet metterà a disposizioni le istruzioni operative, le specifiche tecniche e gli schemi aggiornati per l’invio delle informazioni di cui sopra.

Inoltre, Consob ricorda che a partire dal 1° gennaio 2023, ai sensi del  Regolamento (UE) 2021/2259  e dalla Direttiva (UE) 2021/2261, la disciplina del KID PRIIP troverà applicazione anche alle offerte di OICVM e di FIA aperti destinati agli investitori retail.

Pertanto,  in relazione agli OICR commercializzati in Italia agli investitori retail, l’Autorità comunica che il sistema di accesso ai KID da parte della stessa, in conformità a quanto previsto dell’art. 34-bis.2 del Regolamento Emittenti (Regolamento di attuazione del Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti), sarà rappresentato esclusivamente dal DEPROF. Anche in questo caso, il manuale di sistema e gli schemi XML per l’invio dei dati saranno messi a disposizione sul sito dell’Autorità a partire dal 31 ottobre 2022.

Infine, si segnala che in relazione agli OICR:

  • il KID PRIIP unitamente ai relativi dati strutturati potrà essere messo a disposizione della CONSOB a partire dal 15 dicembre 2022;
  • per il periodo dal 15 al 31 dicembre 2022, eventuali aggiornamenti del KIID UCITS dovranno essere trasmessi alla casella saivif@consob.it.

Revisione dei dati strutturati relativi ai Priips in vista dell’applicazione, a partire dal 1° gennaio 2023, del Regolamento delegato (Ue) 2022/975 e sistema di accesso ai Kid degli Oicr da parte della Consob ai sensi dell’art. 34-bis.2 del Regolamento emittenti (Comunicato stampa del 14 ottobre 2022)

Normativa europea – Cartolarizzazioni STS

Notifica delle cartolarizzazioni STS in bilancio

Regolamento di esecuzione

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 266 del 13 ottobre 2022 è stato pubblicato il “Regolamento di esecuzione (UE) 2022/1929 della Commissione del 31 marzo 2022 che modifica le norme tecniche di attuazione di cui al Regolamento di esecuzione (UE) 2020/1227 per quanto riguarda i moduli per fornire le informazioni conformemente ai requisiti di notifica STS per le cartolarizzazioni sintetiche nel bilancio”.

Si tratta del Regolamento di esecuzione adottato ai sensi dell’articolo 27 “Requisiti di notifica STS”del Regolamento (EU) 2017/2402 (cd. “Regolamento sulle cartolarizzazioni STS”) come modificato dal Regolamento (UE) 2021/557, adottato per stimolare la ripresa dei mercati di capitali in risposta alla pandemia da Covid-19.

Il Regolamento (UE) 2021/557 – in vigore da aprile 2021 – ha, infatti, apportato varie modifiche al quadro normativo sulle cartolarizzazioni e ha introdotto un nuovo quadro specifico per le cartolarizzazioni semplici, trasparenti e standardizzate (STS) in bilancio (cd. cartolarizzazione sintetiche).

Per fornire agli investitori, ai potenziali investitori e alle autorità competenti una panoramica comparativa di tutti i tipi di cartolarizzazioni STS, è opportuno garantire la coerenza tra tutte le notifiche STS e, quindi, il modulo di notifica per le cartolarizzazioni STS nel bilancio è stato allineato con il modulo per le cartolarizzazioni tradizionali STS.

Pertanto, il presente Regolamento di esecuzione specifica il formato dei modelli standardizzati per la notifica STS delle cartolarizzazioni sintetiche in bilancio, basandosi sulle norme esistenti per la notifica STS delle cartolarizzazioni tradizionali. 

In particolare, il Regolamento di esecuzione apporta modifiche mirate ai moduli per la notifica STS di cui al Regolamento di esecuzione (UE) 2020/1227 riguardante la notifica STS delle cartolarizzazioni tradizionali, tenuto conto delle specificità che presentano le cartolarizzazioni sintetiche.

Il Regolamento di esecuzione entra in vigore il 2 novembre 2022 ed è direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/1929 della Commissione del 31 marzo 2022 che modifica le norme tecniche di attuazione di cui al regolamento di esecuzione (UE) 2020/1227 per quanto riguarda i moduli per fornire le informazioni conformemente ai requisiti di notifica STS per le cartolarizzazioni sintetiche nel bilancio

Normativa europea – Regolamento titoli (CSDR)

Procedura di acquisto forzoso

Regolamento delegato

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 266 del 13 ottobre 2022 è stato pubblicato il “Regolamento delegato (UE) 2022/1930 della Commissione del 6 luglio 2022 che modifica le norme tecniche di regolamentazione di cui al Regolamento delegato (UE) 2018/1229 per quanto riguarda la data di applicazione delle disposizioni relative alla procedura di acquisto forzoso”.

Si tratta del Regolamento delegato adottato ai sensi dell’articolo 7 Misure per la gestione dei mancati regolamenti” del Regolamento (UE) 909/2014 relativo al miglioramento del regolamento titoli nell’Unione europea e ai depositari centrali di (Regolamento Titoli o CSDR).

Il Regolamento delegato dispone la non applicabilità fino al 2 novembre 2025 delle regole di acquisto forzoso obbligatorio (buy-in obbligatorio)specificate dagli articoli da 21 a 38 del Regolamento delegato (UE) 2018/1229 che integra il CSDR per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione sulla disciplina del regolamento, che è entrato in vigore il 1° febbraio 2022.

Gli operatori di mercato, infatti, hanno dimostrato che gli acquisti forzosi obbligatori potrebbero aumentare la pressione di liquidità e i costi dei titoli a rischio di acquisto forzoso; tale effetto potrebbe essere ulteriormente esacerbato in caso di volatilità del mercato.

Pertanto, la citata sospensione dell’applicabilità delle disposizioni sul regime di buy-inè voltaaconcedere alla Commissione europea e ai colegislatori ulteriore tempo permigliorare l’efficienza dei regolamentiarmonizzare la normativa e rivalutare il quadro della disciplina in materia.

Il Regolamento delegato entra in vigore il 2 novembre 2022 ed è direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Regolamento delegato (UE) 2022/1930 della Commissione del 6 luglio 2022 che modifica le norme tecniche di regolamentazione di cui al regolamento delegato (UE) 2018/1229 per quanto riguarda la data di applicazione delle disposizioni relative alla procedura di acquisto forzoso

Normativa europea – Disciplina prudenziale / Informativa PILLAR 3

Esposizioni deteriorate e esposizioni oggetto di misure di concessione

Revisione e abrogazione di Orientamenti EBA

L’Autorità Bancaria Europea (EBA) ha pubblicato il 12 ottobre 2022 un documento dal titolo “Guidelines amending Guidelines EBA/GL/2018/10 on disclosure of non-performing and forborne exposures”.

Si tratta, in particolare, di un documento con cui EBA modifica l’ambito di applicazione dei propri “Orientamenti relativi all’informativa sulle esposizioni deteriorate e oggetto di misure di concessione” del 2018.

In particolare, l’Autorità apporta specifiche modifiche alla Sezione 2 “Oggetto, ambito d’applicazione e definizioni” degli Orientamenti, per disporre che questi si applichino agli “enti piccoli e non complessi”e agli“enti non quotati” come definiti dal Regolamento (UE) 575/2013 relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi (CRR) e non più a tutti gli enti creditizi.

Oltre a modificare l’ambito di applicazione dei citati Orientamenti, EBA ha disposto anche l’abrogazione dei tre seguenti set di Orientamenti:

  • “Orientamenti sugli obblighi di informativa ai sensi della parte otto del regolamento (UE) n. 575/2013” (EBA/GL/2016/11);
  • “Orientamenti sull’informativa relativa al coefficiente di copertura della liquidità, a integrazione dell’informativa sulla gestione del rischio di liquidità ai sensi dell’articolo 435 del Regolamento (UE) n. 575/2013” (EBA/GL/2017/01); e
  • “Orientamenti in materia di informativa sulle attività vincolate e su quelle non vincolate” (EBA/GL/2014/03).

I contenuti dei tre set di Orientamenti citati si sovrappongono, infatti, alle disposizioni più recenti contenute nel Regolamento di esecuzione (UE) 2021/637 (informativa Pillar 3).

Inoltre, tale Regolamento di esecuzione prevede gli obblighi di informativa per le esposizioni deteriorate e oggetto di misure di forbearance applicabili solo agli enti di grandi dimensioni e ad altri enti quotati; pertanto, a tali tipologie di enti non saranno più applicabili gli Orientamenti del 2018 di cui EBA ha modificato l’ambito di applicazione.

La data di applicabilità prevista per la modifica agli Orientamenti è il 31 dicembre 2022.

Si attende ora la traduzione nelle lingue ufficiali dell’Unione; in seguito, le Autorità competenti dovranno comunicare ad EBA la propria conformità o intenzione di conformarsi agli Orientamenti (viceversa, dovranno indicare le ragioni della mancata conformità).

Guidelines amending Guidelines EBA/GL/2018/10 on disclosure of nonperforming and forborne exposures

Guidelines on disclosure of non-performing and forborne exposures

Press release

Let’s Talk

Fabrizio Cascinelli

PwC TLS Avvocati e Commercialisti

Partner